Il giro del mondo in… 80 cocktails!!

Dopo esservi accuratamente rasati ed elegantemente abbigliati – senza licenziare il domestico mi raccomando – salite in carrozza, o più prosaicamente prendete la “Tube”, scendete alla stazione Victoria, a meno che non siate già residenti in zona ovviamente, e godetevi lo splendore del quartiere Mayfair.

Confinante con il verdeggiante Hyde Park, caratterizzato da eleganti residenze georgiane, hotel esclusivi e ristoranti raffinati, boutique di alta moda a Bond Street piuttosto che le rinomate sartorie su misura – un vero gentlemen inorridisce al solo vedere capi da supermercato – a Saville Row.

E’ da questa via che partì Phileas Fogg  per iniziare la sua folle scommessa fatta al Reform Club e a voi basta recarvi al 15 di Bruton Lane Mayfair, Londra W1J 6JD per immaginare di essere al tavolo in attesa dell’ arrivo di Mr, Fogg per le solite amabili chiacchiere o per la consueta partita di Whist.

Ora, davanti al Mr Fogg’s Residence, un impeccabile portiere  vi annuncia con uno scampanellìo e vi fa accedere all‘interno di questa dimora vittoriana.

Una volta all’interno  per prima cosa prendete visione delle regole della casa (per esempio la regola numero sette recita “Non sospirare o sbadigliare, né annoiare né affaticare gli altri”) per evitare gaffes sconvenienti ad un gentleman e solo dopo abbandonatevi a cosa vi circonda, pronti a partire.

Il vostro mappamondo  sarà il menù: una raccolta di gin unica ha permesso la creazione di non meno di ottanta cocktail, ognuno ispirato alle tappe del giro del mondo – un intero mondo di alternative – oltre a una vasta lista di vini ed alcolici, uniti ad una proposta culinaria ricca di  prelibatezze. E potete decidere di gustare tutto a qualunque ora, la scelta è tra una sontuosa colazione, un vero “teatime” od una cena.

Volete salpare da Dover? Un Wave to the White Cliffs (cocktail a base di Botanist gin, lavanda e miele, succo di arancia e limone, essenza di ylang ylang) è quello che ci vuole per salutare l’Impero Britannico. Siete impazienti di salvare la bella Adua? Saved from sacrifice (Bombay Sapphire gin, Grand Marnier, sciroppo di clementine e vaniglia, salsa calamansi, pesche, lemongrass soda ed un tuorlo) vi darà la forza di affrontare la pira accesa… avete il mondo da gustare. E da osservare, perché non c’è viaggio senza ricordi e anche l’ambientazione è li per quello. Lucido legno riveste le pareti della residenza che fanno da sfondo ad una vasta e rara collezione di manufatti ed antichità raccolti da ogni angolo della terra. Le pareti, gli scaffali e persino il soffitto espongono rarità che vanno da creature esotiche a statuette credute perdute –  in un angolo, una mongolfiera è appesa a uno stambecco, in un altro c’è un pianoforte. Le pareti sono adornate con trofei, fucili da caccia e ritratti ad olio di antenati; le librerie, piene di monili da tutto il mondo, a ricordarvi con orgoglio la fantastica avventura vissuta da Mr Fogg.  Sta a voi decidere quale strada percorrere e lo staff presente vi farà da guida in questo viaggio conducendovi tra una serie di libagioni – anzi un antologia di libagioni veramente sontuose – appositamente concepite e consigliandovi gli abbinamenti migliori per esaltare una rarissima spezia o un particolare liquore.

Ora prendete tutto il tempo che vi serve (ricordate la regola 7) perché la scelta è complessa.  Mettetevi comodi, rilassatevi e godetevi l’atmosfera.

Per la partita a Whist ci sarà tempo.

(A cura di: Luca Rasetti)

Mr Fogg’s Residence
15 Bruton Ln, Mayfair, London W1J 6JD, Regno Unito

mr-foggs.com

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...